Infezioni nosocomiali: oltre il danno, il costo. Sfide e soluzioni per prevenirle

Le infezioni nosocomiali, note anche come Infezioni Correlate all’Assistenza Sanitaria (ICA), rappresentano un pericolo costante all’interno degli ospedali. Ogni anno, solo in Italia, colpiscono circa 700.000 pazienti, con un tasso di mortalità associato del 4-5%.

A livello europeo, l’impatto è di quasi 4 milioni di pazienti all’anno.

Contenuti

Cosa sono le infezioni nosocomiali?

Le infezioni nosocomiali vengono contratte all’interno delle strutture sanitarie, come ospedali e case di cura. Queste infezioni non sono presenti al momento dell’ammissione del paziente, ma possono emergere in qualsiasi momento durante il ricovero o anche dopo la dimissione.

Esempi di infezioni nosocomiali

Tra le infezioni nosocomiali più comuni troviamo:

  • Infezioni respiratorie – 23.5%
  • Batteriemie – 18,3%
  • Infezioni delle vie urinarie (IVU) – 18,3%
  • Infezioni del sangue (BSI) – circa 18%
  • Infezioni del sito chirurgico (ISC) – 14%: si verificano nell’area dell’incisione dopo un intervento chirurgico.
  • Polmonite associata all’assistenza sanitaria (HCAP): colpisce i pazienti ricoverati, soprattutto quelli sottoposti a ventilazione meccanica.
  • Infezioni da batteri multiresistenti (MDR): resistenti a uno o più antibiotici.

Fonte

Infezioni respiratorie trasmesse per via aerea

Tra le infezioni nosocomiali, quelle trasmesse per via aerea rappresentano una sfida particolarmente insidiosa e difficile da controllare. Queste infezioni possono diffondersi rapidamente attraverso le goccioline respiratorie emesse durante tosse, starnuti o anche semplicemente parlando, e possono contaminare l’ambiente circostante. Tra le principali infezioni trasmesse per via aerea all’interno degli ospedali troviamo:

  • Tubercolosi (TB): Causata dal batterio Mycobacterium tuberculosis, la TB può diffondersi facilmente negli ambienti ospedalieri, soprattutto nelle aree di emergenza e nei reparti di malattie infettive.
  • Virus influenzali: Gli ospedali sono luoghi ad alto rischio per la trasmissione dell’influenza, specialmente durante la stagione influenzale.
  • Virus respiratorio sinciziale (RSV): Particolarmente pericoloso per neonati e anziani, può causare gravi infezioni respiratorie.
  • COVID-19: Il recente e attuale problema pandemico ha evidenziato quanto sia cruciale il controllo delle infezioni respiratorie negli ambienti sanitari.

Le soluzioni di biocontenimento, come stanze di isolamento a pressione negativa e sistemi avanzati di filtrazione dell’aria, sono strumenti indispensabili per prevenire la diffusione di queste infezioni. Queste tecnologie creano barriere fisiche e chimiche che impediscono ai patogeni di circolare liberamente negli ospedali, proteggendo sia i pazienti che il personale sanitario.

L’implementazione di misure di biocontenimento è essenziale non solo per ridurre l’incidenza di queste infezioni, ma anche per limitare l’uso di antibiotici e la conseguente resistenza antimicrobica (AMR), un altro grave problema associato alle infezioni nosocomiali.

Cause e fattori di rischio

Le cause delle infezioni nosocomiali sono diverse e complesse. Tra i fattori di rischio più comuni ci sono:

  • Procedure chirurgiche, specialmente quelle complesse e lunghe;
  • Presenza di dispositivi medici invasivi come cateteri, ventilatori e sonde nasogastriche;
  • Immunodeficienza, causata da malattie come il diabete, l’AIDS o l’uso di farmaci immunosoppressori;
  • Individui anziani con sistema immunitario indebolito;
  • Prolungata permanenza in ospedale, che aumenta il rischio di esposizione a microrganismi patogeni;
  • Igiene delle mani inadeguata da parte del personale sanitario o dei pazienti stessi;
  • Scarsa attenzione alle procedure di disinfezione e sterilizzazione degli strumenti medici e delle superfici ambientali;
  • Ospedali inadeguatamente attrezzati.

Costi economici e impatto sulla qualità della vita

Le infezioni nosocomiali hanno un impatto significativo sia dal punto di vista economico che sulla vita.

dati, morti e costi infezioni nosocomiali in Italia

In Italia:

  • Circa l’8% dei pazienti ricoverati contrae un’infezione;
  • Le ICA causano circa 11.000 morti ogni anno – 1/3 dei decessi in ospedale;
  • La degenza media per un paziente con ICA è di 7-10 giorni più lunga rispetto a un paziente senza ICA;
  • Le infezioni nosocomiali e la resistenza agli antibiotici hanno un impatto di circa 2,7 milioni di giornate di degenza ospedaliera all’anno;
  • I costi diretti e indiretti associati alle ICA sono stimati intorno ai 2,4 miliardi di euro all’anno.

L’impatto delle ICA sulla salute e sull’economia, senza misure adeguate, potrebbe aumentare significativamente. Entro il 2050, si stima che potrebbero causare fino a 450.000 decessi all’anno e costi di almeno 12 miliardi all’anno.

A livello europeo:

  • 3,5 milioni di pazienti contraggono una ICA ogni anno;
  • Il tasso di mortalità varia dal 3,5% all’8,7% a seconda del tipo di ICA;
  • Le ICA causano circa 157.000 morti all’anno, secondo uno studio basato sull’analisi di tre stati: Inghilterra, Danimarca e Finlandia, e più di 200.000 morti in cui l’infezione è una causa contribuente;
  • 16 milioni di giornate di ospedalizzazione aggiuntive;
  • I costi economici associati alle ICA sono stimati in 28 miliardi di euro all’anno.

A livello mondiale:

  • L’OMS stima che le ICA causino circa 7 milioni di morti ogni anno.
  • Le ICA sono la terza causa di morte nei pazienti ospedalizzati (OMS, 2023).
  • I costi economici associati alle ICA sono stimati in 100 miliardi di dollari all’anno.

Un’analisi del 2016 ha stimato che gli effetti dell’AMR e delle conseguenti ICA abbiano causato circa 50.000 morti all’anno in Europa e negli Stati Uniti e che, senza interventi efficaci, il numero di ICA complicate da AMR potrebbe causare 10 milioni di morti all’anno entro il 2050.

Impatto sulla qualità della vita:

Le infezioni correlate all’assistenza sanitaria non sono solo un problema statistico o un costo per il sistema sanitario. Dietro le fredde cifre si nascondono drammi umani, storie di sofferenza e lotte contro avversità inattese. Il percorso di recupero, segnato da dolore e disagio, diventa inaspettatamente lungo e difficile.

Tali infezioni possono compromettere la mobilità e l’indipendenza, rendendo gli individui dipendenti dagli altri per i bisogni fondamentali. In alcuni casi, le ICA portano a disabilità irreversibili, alterando irrevocabilmente le vite e infliggendo profonde cicatrici emotive e fisiche. Oltre al dolore fisico, il peso psicologico delle ICA è immenso. Chi ne è colpito può sperimentare depressione, ansia e stress. Il timore di recidive, i sentimenti di impotenza e la distruzione dei propri piani di vita possono avere un impatto duraturo sulla salute mentale.

Pertanto, le ICA rappresentano non solo una sfida alla salute fisica o un onere finanziario, ma una profonda interruzione della qualità della vita complessiva, influenzando ogni aspetto dell’esistenza di un paziente.

Come ridurre l’impatto delle ICA? Strategie per la prevenzione e il controllo delle infezioni nosocomiali

La prevenzione e il controllo delle infezioni nosocomiali richiedono un approccio multifattoriale e proattivo che coinvolga tutti gli operatori del sistema sanitario. Le strategie di prevenzione e controllo si basano su diversi pilastri:

Igiene delle mani:

  • L’igiene delle mani è la misura più importante per prevenire la diffusione delle ICA.
  • Il personale sanitario deve lavarsi frequentemente le mani con acqua e sapone o utilizzare soluzioni a base alcolica.

Disinfezione e sterilizzazione:

  • Le superfici e gli strumenti medici devono essere regolarmente disinfettati o sterilizzati.
  • È importante seguire le procedure di disinfezione e sterilizzazione stabilite dalle linee guida.

Educazione e formazione:

  • Il personale sanitario deve essere educato e formato sulle misure di prevenzione e controllo delle ICA.
  • I pazienti e le loro famiglie devono essere informati sui rischi delle ICA e su come prevenirle.

Sorveglianza e monitoraggio:

  • È importante monitorare l’incidenza delle ICA per identificare e correggere eventuali carenze nelle procedure di prevenzione e controllo.

Isolamento dei pazienti infetti:

  • I pazienti con ICA devono essere isolati in stanze singole o raggruppati con altri pazienti con la stessa infezione.
  • Le precauzioni di isolamento devono essere rigorosamente applicate per prevenire la trasmissione dell’infezione ad altri pazienti e al personale sanitario.

Soluzioni di biocontenimento:

Non tutte le ICA sono prevenibili, ma attualmente si stima che più del 50% lo siano. Inoltre, una corretta implementazione di precise misure di prevenzione potrebbe ridurre l’incidenza delle infezioni fino al 70%!

L’implementazione efficace di queste strategie di prevenzione e controllo può ridurre significativamente l’incidenza delle ICA, con un impatto positivo sulla salute pubblica, sui costi sanitari e sulla qualità della vita dei pazienti. È importante ricordare che la ricerca e l’innovazione giocano un ruolo fondamentale nello sviluppo di nuove strategie di prevenzione e controllo delle ICA.

Le infezioni nosocomiali rappresentano una sfida significativa per la salute pubblica, con un impatto rilevante in termini di vite umane e costi economici. L’implementazione di strategie efficaci di prevenzione e controllo, basate su una solida cultura della sicurezza e sull’uso di tecnologie innovative, può ridurre significativamente l’incidenza delle ICA e migliorare la qualità della vita dei pazienti. È quindi essenziale continuare a investire nella ricerca e nell’innovazione per sviluppare nuove strategie di prevenzione e controllo delle ICA e migliorare la gestione di queste infezioni.

 

Fonte: L’articolo è la traduzione del post Nosocomial Infections: Beyond Harm, the Cost. Challenges and Solutions for Prevention da incare.bg

Potrebbe interessarti anche:

Lingua »