Il biocontenimento nella Sanità: cos’è, definizione e i 4 livelli di sicurezza

La sicurezza biologica è una priorità assoluta per la salute pubblica. Per proteggere le persone da agenti patogeni pericolosi, è necessario adottare misure di prevenzione e controllo. Queste misure, note come biocontenimento, sono fondamentali per garantire la sicurezza di pazienti, operatori sanitari e del pubblico in generale.

In questo articolo, scopriremo cos’è e cosa significa biocontenimento ed esploreremo i diversi livelli di sicurezza, nonché l’importanza di questa pratica nei trasporti ospedalieri.

Contenuti

Cos’è il biocontenimento: significato e definizione

Il biocontenimento è una pratica fondamentale nell’ambito della sicurezza biologica e dell’assistenza sanitaria. Questo concetto abbraccia un insieme di procedure, protocolli, metodi e misure atte a isolare e prevenire la diffusione di agenti patogeni come batteri e virus, in ambienti ospedalieri e nei trasporti di pazienti infetti.

L’essenza del biocontenimento è la protezione e il controllo delle infezioni. L’obiettivo principale è contenere il rischio di contaminazione e la diffusione di malattie infettive, mirando a minimizzare o eliminare del tutto la possibilità di trasmissione tra pazienti e personale medico.

Livelli di sicurezza del biocontenimento

Il biocontenimento è suddiviso in quattro livelli di sicurezza, in base al rischio rappresentato dagli agenti patogeni coinvolti. Questa stratificazione va da livelli di base (BSL-1) per infezioni a basso rischio fino ai livelli di massima sicurezza (BSL-4):

  • livello di biosicurezza 1 (BSL-1): agenti patogeni a basso rischio, come Escherichia coli. Le misure di sicurezza a questo livello includono il semplice utilizzo di camici da laboratorio e guanti, nonché procedure di disinfezione standard;
  • livello di biosicurezza 2 (BSL-2): agenti patogeni a moderato rischio, come l’epatite A. Le misure di sicurezza comprendono l’uso di abbigliamento protettivo come camici, guanti e occhiali di sicurezza;
  • livello di biosicurezza 3 (BSL-3): agenti patogeni a rischio elevato, come il virus SARS-CoV-2 (Covid-19). I mezzi di trasporti o i laboratori BSL-3 devono essere costruiti con attenzione per garantire la protezione da aerosol e particelle in sospensione;
  • livello di biosicurezza 4 (BSL-4): agenti patogeni estremamente pericolosi, ad elevato rischio di trasmissione, senza cure o vaccini che possono dunque causare malattie mortali negli umani, come il virus Ebola.

Come funziona il biocontenimento: pressione negativa e pressione positiva

All’interno del campo del biocontenimento, la gestione della pressione dell’aria svolge un ruolo chiave nel mantenere ambienti sicuri e controllati. Due concetti fondamentali associati al controllo della pressione dell’aria sono la pressione negativa e la pressione positiva.

Pressione negativa: l’ambiente è progettato per impedire la fuoriuscita di agenti patogeni. In un ambiente a pressione negativa, l’aria viene costantemente aspirata in modo che non possa fuoriuscire da una stanza o da un contenitore, mantenendo la pressione più bassa di quella esterna.

Pressione positiva: al contrario, un ambiente a pressione positiva è progettato per prevenire la contaminazione da agenti esterni. In questo caso, l’aria è costantemente spinta verso l’esterno, impedendo l’ingresso di agenti esterni come batteri o polveri. In questo caso la pressione all’interno è più alta rispetto all’ambiente esterno.

Schema funzionale pressione negativa e positiva del biocontenimento

L’importanza del biocontenimento nei trasporti ospedalieri

Il biocontenimento è fondamentale nei trasporti ospedalieri, poiché minimizza il rischio di trasmissione di agenti patogeni durante lo spostamento di campioni biologici, dispositivi medici o pazienti. Questo aspetto è vitale per prevenire infezioni incrociate, garantire la sicurezza del personale medico e dei pazienti, in particolare quelli immunodepressi.

Inoltre, è anche importante per preservare l’integrità di campioni biologici preziosi, farmaci o organi destinati al trapianto durante il trasporto.

Prodotti essenziali

L’efficacia del biocontenimento si basa direttamente sui prodotti e le forniture utilizzate. Questi elementi rivestono un ruolo determinante nella prevenzione delle infezioni e nella protezione delle vite umane durante il trasporto e all’interno delle strutture ospedaliere.

I prodotti essenziali includono:

  1. dispositivi di protezione individuale (DPI): guanti monouso, maschere di protezione, camici protettivi;
  2. barelle di biocontenimento: progettate per il trasporto sicuro e isolato di pazienti infetti o di campioni biologici.
    Le nostre barelle a biocontenimento raggiungono protezione BSL-4 e possono essere motorizzate per facilitare il trasporto del paziente. Scopri di più sulla barella di biocontenimento e come funziona;
  3. camere di biocontenimento: forniscono un ambiente controllato per pazienti altamente infettivi. Sono dotate di sistemi avanzati di controllo della pressione dell’aria come Pandora, la nostra camera di biocontenimento modulare a pressione controllata.

 

Potrebbe interessarti anche:

Lingua »